“La battaglia della SPD per il reddito minimo garantito”

Lo scorso 12 gennaio l’on. Gianni Farina, deputato eletto nella circoscrizione estero Europa per il Partito Democratico, ha partecipato all’inaugurazione dell’anno sociale del Circolo Famiglie di Gross Gerau, cittadina vicina a Francoforte, in un incontro aperto al pubblico al quale erano presenti circa 50 persone. Dopo una breve panoramica degli attuali temi politici tedeschi ed italiani fatta da Michele Santoriello, Farina, pungolato dalle domande iniziali del presidente del Circolo Giovanni Baranelli, si è soffermato sui temi della riforma elettorale ed istituzionale, ricordando il sessantesimo anniversario della Costituzione repubblicana. Inoltre, ha ribadito che i valori e i principi di questa legge fondamentale dello stato italiano vanno fortemente difesi anche nel suo rinnovamento. L’on. Farina ha poi espresso la sua preoccupazione per la drammatica situazione di Napoli e per la perdita in Italia di un forte senso civico, di solidarietà ed unità nei gravi momenti di crisi nazionale. Su la tutela del lavoro e del reddito, il deputato del PD ha ricordato la necessità di ridare slancio alle politiche salariali e fiscali anche in Italia, soprattutto per i redditi medio bassi, valutando positivamente la battaglia per un reddito minimo garantito che la SPD in Germania sta portando avanti in queste settimane nelle campagne elettorali che la vedono impegnata non solo in Assia, ma anche in Bassa Sassonia e nella città stato di Amburgo. Farina si è soffermato anche sulle gravi parole di discriminazione nei confronti dei giovani migranti espresse dal governatore dell’Assia, Roland Koch, e ha invitato i connazionali a denunciare questi aspetti demagogici e opportunisti di fare politica sulle spalle degli stranieri, denunciando che anche in Italia i linguaggi e i modi di criminalizzare le comunità migranti da parte dei politici di centrodestra mettono a nudo la poca volontà da parte di queste forze politiche di promuovere politiche di accoglienza e vera integrazione in un Paese quale è l’Italia. Con i quasi suoi tre milioni di stranieri, infatti, avrebbe bisogno di prestare maggior attenzione ai temi della convivenza e della coesione sociale facendo tesoro delle esperienze vissute dagli italiani nel mondo. A conclusione del suo intervento il deputato del PD ha affrontato alcuni temi particolarmente importanti per le comunità italiane all’estero, come gli interventi dello Stato italiano a favore dei connazionali anziani indigenti, le risorse per gli interventi in campo culturale e per il potenziamento dei servizi consolari. La serata è così continuata con un dibattito aperto tra l’on. Gianni Farina con i connazionali presenti.

aise, 15 gennaio 2008